Reply

Scopri quando andrai in pensione

« Older   Newer »
[*Crazy_for_GENIV'S_FORUM*]™
view post Posted on 17/3/2008, 03:35 Quote




Quando andrò in pensione? Facile, ora te lo dice il “Pensionometro”, il nuovo calcolatore messo a punto per Corriere.it da Progetica, una società indipendente di consulenza finanziaria e previdenziale. Un calcolatore facile, dall’uso immediato e che, in base a soli quattro dati (sesso, attività, anno di nascita, anni di contribuzione), dà in pochi secondi la risposta a uno dei dubbi che più sembra appassionare gli italiani dopo l’approvazione della nuova riforma: «Quando andrò in pensione».

Il «Pensionometro» riporta anche l’età al pensionamento, le variazioni rispetto alla riforma Maroni, e il criterio con cui verrà calcolato il trattamento previdenziale pubblico. Il calcolatore online fornisce anche una stima di quale potrebbe essere il rapporto tra pensione e ultimo reddito, offrendo un range indicativo, vista la complessità delle variabili in gioco.

Inoltre cliccando su una specifica finestra compare una tabella che indica, appunto, come funziona il meccanismo delle finestre d’uscita. Una volta raggiunti i requisiti, infatti, il pensionamento non è immediato: bisogna aspettare che si apra la propria via d’uscita.

Il calcolatore, inoltre, presenta alcune tabelle di sintesi che possono aiutare tutti a impratichirsi con i nuovi requisiti per la pensione di anzianità, basati su un mix formato da età anagrafica e anni di contribuzione.

image

fonte


Via lo scalone. Arrivano gli scalini. E soprattutto il meccanismo delle quote. Sono questi gli ingredienti essenziali dell’ultima riforma pensioni. La legge, approvata a fine dicembre, ha cancellato lo «scalone» previsto dalla legge Maroni, vale a dire il brusco passaggio da 57 a 60 anni del requisito anagrafico da accompagnare ai 35 anni di contribuzione per ottenere la pensione di anzianità.
Le nuove regole prevedono a partire dal 2008 un innalzamento di un anno (58 i dipendenti e 59 gli autonomi) della soglia anagrafica da accompagnare ai 35 anni di contribuzione (fino al 31 dicembre 2007 bastavano, rispettivamente, 57 e 58 anni). Questo limite resterà in vigore per 18 mesi. Dal primo luglio 2009 debutterà, invece, il nuovo meccanismo delle quote, cioè l'obbligo di raggiungere un coefficiente costituito dalla somma del requisito contributivo con quello anagrafico, ma possedendo un' età minima, via via crescente.

Ecco i nuovi requisiti:

1) dal primo gennaio 2008 al 30 giugno 2009 servono 35 anni di contributi e 58 anni di età (59 gli autonomi);

2) dal primo luglio 2009 al 31 dicembre 2010 i lavoratori dipendenti dovranno raggiungere, sommando età anagrafica e anzianità contributiva, quota 95 (con età non inferiore a 59 anni).

I dipendenti, quindi, potranno andare in pensione o con 59 anni di età e 36 di contributi (59 più 36 fa 95), oppure con 60 di età e 35 di contributi. Per gli autonomi norme più rigide: la quota da raggiungere è 96 con età minima di 60 anni;

3) dal primo gennaio 2011 al 31 dicembre 2012 i lavoratori dipendenti dovranno raggiungere quota 96 (con età non inferiore a 60 anni). Le coppie utili per i dipendenti sono 60 più 36 oppure 61 più 35. Scalino più alto per gli autonomi: quota 97 con non meno di 61 anni;

4) dal primo gennaio 2013 per la pensione anzianità dei dipendenti serve quota 97 (età minima 61 anni) e per gli autonomi quota 98 (minimo 62 anni). Prima di far scattare quota 97 e quota 98 dovrà essere effettuata una verifica della spesa: se sarà sotto controllo l’ultimo scalino potrebbe essere eliminato.

Resta inalterato il requisito alternativo dei 40 anni di contribuzione, che prescinde dall' età anagrafica.

Confermata anche la possibilità per le sole lavoratrici di andare in pensione con le regole attuali (35 anni di contributi e 57 di età), ma con la penalizzazione di avere la rendita calcolata interamente con il criterio contributivo.

Orientarsi nel meccanismo delle quote non è molto semplice. Per capire con una certa approssimazione quando si andrà in pensione si può usare questo simulatore previdenziale messo a punto per il Corriere della Sera da Progetica, società di consulenza.

Il simulatore, che vuole aiutare i navigatori a impadronirsi dei nuovi meccanismi previdenziali, è suddiviso in tre “scalini”:

1) nel primo si può avere un quadro sintetico dei requisiti previdenziali da rispettare a seconda del sesso e dell’attività esercitata (dipendente o autonomo):

2) nel secondo step si può avere un’idea di quando si potrà andare in pensione e con quale sistema di calcolo. La simulazione parte da alcune fasce di età prestabilite, bisogna scegliere quella più vicina;

3) infine si può determinare a quanto ammonterà la propria pensione in rapporto all’ultima retribuzione. La pensione viene stimata in un range (minimo e massimo), viste le numerose variabili in gioco, soprattutto per chi ricade nel sistema misto o contributivo.

fonte
 
Top
Vincent3000
view post Posted on 23/11/2010, 15:51 Quote




A settembre 2011 compio 65 anni ed avrò 34 anni di contributi lavorativi. Non ho altri contributi.
E' vero che in questa data andrò in pensione ma la comincerò a prenderela dal 1 ottobre 2012
 
Top
asdandria
view post Posted on 23/11/2010, 16:16 Quote




moriro prima di andare in pensione...
 
Top
depetris riccardo
view post Posted on 27/12/2010, 09:40 Quote




quando andro' in pensione
 
Top
asdandria
view post Posted on 28/12/2010, 12:07 Quote




che ne so...
 
PM  Top
maioli52
view post Posted on 31/3/2011, 20:38 Quote




CITAZIONE (Vincent3000 @ 23/11/2010, 15:51) 
A settembre 2011 compio 65 anni ed avrò 34 anni di contributi lavorativi. Non ho altri contributi.
E' vero che in questa data andrò in pensione ma la comincerò a prenderela dal 1 ottobre 2012

 
Top
view post Posted on 5/4/2011, 00:03 Quote
Avatar

Percorri la via, conta solo su te stesso.

Group:
Member
Posts:
5,422
Location:
Naples, Italy!

Status:


CITAZIONE (depetris riccardo @ 27/12/2010, 09:40) 
quando andro' in pensione

:asd:

SILVER45



10fpbb4
esl-icon



6jq3ls8
8e7wot1

Il potere dell'Afro è un potere che va ben oltre il controllo dell'essere umano, è un potere che s'insinua nel proprio essere, dominando l'anima, i sensi, la mente e il cuore. Spinge le nostre capacità oltre l'impossibile rendendoci pronti a compiere imprese fuori dal comune.

 
PM Email Contacts  Top
streamingg
view post Posted on 6/4/2011, 14:25 Quote




2038
 
Top
7 replies since 17/3/2008, 03:35
 
Reply