Reply

Eiaculazione precoce,guarire si può

« Older   Newer »
<kikkina>
view post Posted on 9/10/2009, 15:41 Quote




image
L'eiaculazione precoce, una disfunzione che affligge 35 per cento degli uomini italiani. Taciuta per vergogna è una condizione in grado di mettere a dura prova l'equilibrio della coppia. Eppure guarire si può, ecco come




Parlarne è ancora un tabù. Eppure sono milioni gli uomini che ne soffrono, per lo più in silenzio: tra le disfunzioni sessuali l'eiaculazione precoce è infatti la più diffusa. Chi ne è affetto non sempre si rivolge al medico che potrebbe risolvere il suo problema. In queste condizioni l'eiaculazione precoce si trasforma in una mina vagante nella vita della coppia. Perché l'eiaculazione precoce non riguarda solo lui ma tocca anche lei. L'uomo che ne soffre spesso tace per paura, per vergogna e si riduce a un'astineza forzata. Ma se lui non parla, nemmeno la donna se la sente di affrontare il problema. Anche perché mettendolo in evidenza potrebbe rendere il partner ancora più insicuro e peggiorare la situazione. La coppia si trova in un'impasse. Come uscirne? Siamo andati a chiederlo al Professor Vaccari, urologo, andrologo e chirurgo.
Professor Vaccari, innanzitutto cosa si intende tecnicamente per eiaculazione precoce?
È la condizione per cui un uomo è incapace di esercitare un controllo volontario sul suo riflesso eiaculatorio, per cui, una volta eccitato sessualmente, raggiunge l’orgasmo prima della sua partner nella maggior parte dei rapporti sessuali, con qualsiasi partner e qualsivoglia tipo di coito. L'eiaculazione può avvenire addirittura prima della penetrazione o immediatamente dopo. Ci trovamo dunque in una situazione asimmetrica in cui lui ha raggiunto l'apice del piacere in una lasso di tempo di uno o due minuti dalla penetrazione, mentre la donna ha bisogno di almeno dieci minuti. Ne consegue un forte senso di disagio e frustrazione per tutti e due.

Quali sono gli uomini che ne sono affetti?
E' un fenomeno che può colpire uomini di tutte le età. Ma con una differenza. Mentre i soggetti più giovani, che vivono rapporti più liberi di una volta, non hannno nessun problema nel consultare lo specialista andrologo, per l'uomo di mezza età la cosa cambia. Per il tipo di educazione ricevuta e per i suoi tabù, quel soggetto ha tendenza a pensare che tutti gli uomini siano affetti da eiaculazione precoce anche quelli "potenti", in quanto hanno relazioni sessuali normali. Però sono individui la cui partner non ha mai raggiunto l'orgasmo se non aiutata con stimulazione orale o manuale.

Quant'è diffuso questo problema nella popolazione maschile adulta?
Dall'andrologo il paziente va per quattro problematiche. Per le classiche disfunzioni sessuali come difficoltà di erezione o impotenza, per malformazioni dell'apparato genitale (pene incurvato severamente o di dimensioni così piccole da rendere quasi impossibile il rapporto sessuale), per malattie a trasmissione sessuale che sono ormai sempre più diffuse e soprattutto per eiaculazione precoce.

Con quali conseguenze nella vita di coppia?
Moltissime delle partner di pazienti affetti da eiaculazione precoce col tempo subiscono una disaffezione sessuale che può essere una concausa di separazione o divorzio. Faccio un paragone banale. Se lei ha fame e va al ristorante e dopo che le hanno portato un piatto di spaghetti dopo la prima forchettata il cameriere glielo porta via. Questo può succedere una volta o due. Alla terza lei cambia ristorante o si dà una sua spiegazione ed evita di mangiare spaghetti.

I paziente che consultano l'andrologo vengono di propria iniziativa?
I pazienti che vengono nel mio studio sono fortemente motivati perché vogliono scoprire le cause del proprio disturbo ed eliminarle se possiibile. In molti casi dietro la decisione di consultare uno specialista c'è anche il desiderio e la frustrazione della partner.

E questo comportamento è uniforme in tutte le età?
I pazienti che ne soffrono, soprattutto se sono di mezza età o più in là con gli anni, difficilmente vanno dall'andrologo. Esattamente come cent'anni fa c'era reticenza da parte delle donne per consultare un ginecologo. Ormai i soggetti più giovani, dai 20 ai 40 anni, sono tutti un po' più informati e accettano di buon grado di farsi esaminare da uno specialista andrologo.

Quando si parla di eiaculazione precoce la prima domanda che viene in mente è la sua origine: la causa è psicologica o fisica?
In un 30 per cento dei pazienti c'è una causa prevalentemente psicologica, in un 60 per cento c'è una causa mista, in parte psicologica e in parte fisica e solo in 10 per cento dei pazienti la causa è fisica.

Ciò che stupisce è la percentuale ridotta di pazienti la cui eiaculazione precoce è dovuta esclusivamente a cause fisiche. Come si procede?
Fino a poco tempo fa i pazienti venivano indirizzati subito dallo psico- sessuologo. Ma dopo due o tre sedute interrompevano la terapia perché non vedevano nessun risultato positivo e si convincevano che la problematica fosse irrisolvibile.

Ora invece...
La prima cosa da fare è sottoporsi ad una visita da uno specialistica andrologo. Dopo un colloquio approfondito con il paziente prima e poi con la compagna, se l'uomo viene in coppia, si identifica il problema, si procede a una controllo accurato, seguito da alcuni esami mirati.

Tipo?
Il primo test da fare è quello della fallo-vibrazione. Dopo aver iniettato nel pene farmaci vasodilatatori che inducono l'erezione si appoggia il pene su una piattaforma vibrante che registra il numero di vibrazioni necessarie per indurre l’eiaculazione. Se questa si verifica dopo pochissimi minuti è probabile che la causa sia di tipo organico. Inoltre si fa un esame del liquido seminale per stabilire si vi sono delle infezioni in atto delle vie seminali. Poi si procede a una valutazione neuroandrologica. Infine si passa il test di desensibilizzazione peniana.

Quali sono le casue fisiche che possono determinare problemi di eiaculazione precoce?
Ci sono pazienti che hanno un prepuzio esuberante, ossia la cute che sovrasta il glande è particolarmente abbondante. Questo è uno dei casi più frequenti di persona affetta da eiaculazione precoce. Si procede a una circoncisione e poi si fa un test con una crema desensibilizzante che si applica trenta minuti prima del rapporto sessuale. Se la durata prima dell'orgasmo passa da un minuto a dieci minuti vuol dire che la causa è prevalentemente su base fisica. E' evidente che anche in questi casi si possono aggiungere cause psicologiche.

Come si procede dopo aver eseguito tutti gli esami del caso?
Chiaramente la terapia varia a seconda della causa individuata. Quando l’eiaculazione precoce è un problema esclusivamente psicologico, il sostegno di uno psicologo o di un sessuologo è basilare. Di grande aiuto sono le psicoterapie comportamentali, training autogeno oppure all’utilizzo di farmaci neurolettici di ultima generazione. Sta fornendo risultati molto incoraggianti un farmaco di recente produzione, la Dapoxetina, la cui somministrazione ritarda l'eiaculazione. Quando il problema è invece causato da patologie a carico del sistema nervoso e dell’apparato endocrino oppure da infezioni in atto chiaramente bisognerà eliminare la causa scatenante.

fonte
 
Top
win-news 2.0
view post Posted on 10/10/2009, 12:51 Quote




Io ho il problema opposto..
Cioè a dire il vero non sono manco sicuro se sia un problema o un vantaggio... :eh:
Ieri dopo aver letto sto articolo mi sono preoccupato e allora cronometro alla mano ho provato.. però ho visto che a mia sorpresa non ho nessun problema simile ma l'opposto.. ci son voluti ben 36 min e 23 sec..
Mi devo preoccupare o è normale? :fg:
 
Top
view post Posted on 15/10/2009, 10:49 Quote
Avatar

'Don't make a girl a promise, if you know you can't keep it...'

Group:
Member
Posts:
25,583
Location:
Ipotalamo.

Status:


CITAZIONE
ci son voluti ben 36 min e 23 sec..
Mi devo preoccupare o è normale?

Secondo me è questione di esperienza.
Dipende dal modo in cui ti tocchi e 'maneggi' l'amichetto.
Se non ho intenzione di arrivare subito lo tratto in un certo modo.
Non so se ho reso l'idea =D
Per quanto riguarda l'articolo, ho letto su un mensile di una tecnica
cinese basata sulla strozzatura di alcune vene sul pene.
E sembra che il tasso di successo sia davvero alto.


Coming out in 2065.
Living wrong life, collecting dust.

oR0yhkT

84CtobJ

 
PM Email  Top
2 replies since 9/10/2009, 15:41
 
Reply